Bike'n'dive

La Perla nera in mountain Bike

Itinerario Pantelleria in MTB

22,1 Km
Distanza totale in Km
0h e 0min
Durata complessiva
Media 4/6
Grado di difficoltà

Scarica le tracce


Guarda il video

Apri il video

Località Attraversate

Lago di Venere – Kuddia di Mida – Montagna Grande – Grotta dei Briganti – Sentiero Romano– Rekale – Valle di Monastero – Cuddia Attalora –Barone – Monte Gibele – Cala cinque denti

Info e consigli

La bici consigliata è da strada o trekking. Fondo 80% sterrato, 20% asfalto.

Descrizione turistica

Partendo dal Lago di Venere si arriva a Montagna Grande, passando per boschi, vecchie colate laviche e vedute incomparabili. Il percorso è ad anello e si sviluppa quasi per intero su strada sterrata, all’interno della Riserva naturale orientata. Lungo il percorso si possono apprezzare le opere di architettura rurale tipiche dell’isola, i “dammusi” e muretti a secco che proteggono dal vento le preziose piante di “Zibibbo”, vitigno dal quale si ricava il famoso Passito di Pantelleria. Il percorso non presenta lunghe salite che in alcuni tratti hanno strappi con pendenze notevoli, oppure le stesse vengono interrotte da brevi falsipiani o leggere discese.

Seguendo la Via Farina e mantenendo sempre la destra nelle deviazioni, ci si inserisce in un sentiero nel bosco che porta fino a Kaddia di Mida al km 9,48. Continuando a percorrere la salita si scollina a quota mt 648,40 e inizia la lunga discesa. Il tratto che segue regala un panorama che ripaga delle fatiche compiute. Al km 14,8 si incontra la Grotta dei Briganti, famosa perché al tempo dell’unità d’Italia trovarono rifugio un gruppo di giovani che si erano rifiutati di prestare il servizio militare e che poi furono giustiziati pubblicamente.
Seguendo il percorso, al km 20,38 si giunge ad un viottolo storico denominato Sentiero Romano, con veduta della spettacolare Cala Cinque Denti, una baia molto suggestiva, le cui acque cristalline vanno dal turchese al verde smeraldo, meta preferita dalle imbarcazioni nelle giornate estive in cui soffiano i venti meridionali. Il fondale, così come la costa, è costituito da massi franati dal costone, di conseguenza l’accesso via terra non è dei più semplici, essendo parecchio ripido. Anche l’accesso al mare non è semplice e la spiaggia non è adatta ai bambini. Si continua sul Sentiero Romano per poi arrivare al punto di partenza.

Scopri la Sicilia Occidentale in bici

8 ITINERARI TUTTI DA SCOPRIRE

Eventi

Cous cous Fest 2018

San Vito Lo Capo

Il Cous Cous Fest di San Vito lo Capo, che si tiene ogni anno a settembre, è uno degli eventi più attesi

Curiosità

Bike Therapy

Andare in bici per rilassarsi

Andare in bici consente raggiungere nuovi posti, osservare colori, respirare profumi. Rigenera,

ARCHEOLOGIA SUBACQUEA

LE MERAVIGLIE SOMMERSE

Il mare della Sicilia occidentale è uno scrigno che contiene tesori sommersi.